Nomina della prima donna ministro della Repubblica Italiana

LA DONNA NELLA STORIA FILATELICA ITALIANA / Aggiornamento N. 24.

Il 30 luglio 1976 l’Onorevole Tina Anselmi venne nominata Ministro per il Lavoro e la Previdenza Sociale dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone, in occasione del terzo governo Andreotti. E’ stata la prima donna in assoluto ad aver ricoperto la carica di ministro della Repubblica Italiana.

Nata a Castelfranco Veneto (Treviso) nel 1927, laureata in Lettere, insegnante, partigiana, dirigente sindacale, incaricata nazionale dei giovani nella Democrazia Cristiana, vicepresidente dell’Unione europea femminile, deputato, è stata nominata ministra dopo 836 ministri uomini in 115 anni di storia (dato fornito da Armeni citata da Vespa in Donne d’Italia, 2015).

A lei si deve la legge del 1977 sulla Parità di Trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro.
primo_ministro_donna

Nel 2016 in occasione del 40° anniversario dell’avvenimento, viene emesso un francobollo riproducente il verbale di giuramento del 1976 di Tina Anselmi nominata ministro, sul quale si leggono le seguenti parole:

“Io, Tina Anselmi, giuro sul mio onore di essere fedele alla Repubblica, di osservare lealmente la Costituzione e di esercitare le mie funzioni di Ministro Segretario di Stato per il Lavoro e la Previdenza Sociale nell’interesse supremo della Nazione”.

La data di emissione del francobollo è il 2 giugno 2016, Festa della Repubblica Italiana.

(Maria Grazia Dosio CC BY-NC-ND 3.0 IT)

Vedi tutti gli aggiornamenti del libro in ordine cronologico (dal più recente)

(versione pdf scaricabile)

Nomina della prima donna ministro della Repubblica Italianaultima modifica: 2016-06-16T16:07:52+00:00da mgdosio

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di ruggerorespigo
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*