Se aspetti un bambino l’alcol può attendere

Share

ingrandisciE’ appena partita la II edizione di:

Se aspetti un bambino l’alcol può attendere,

la campagna di informazione sulla prevenzione delle patologie fetali alcol correlate. L’iniziativa, che prevede tre settimane di sensibilizzazione online, è promossa da Assobirra e dalla S.I.G.O. (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia).

I rischi legati al consumo di alcol in gravidanza costituiscono un argomento delicato e non del tutto noto, specialmente in Italia. Il feto, infatti, non ha difese rispetto all’alcol assunto dalla madre. Questa sostanza può interferire con il suo sviluppo provocando l’insorgere delle cosiddette patologie fetali alcol correlate, che possono provocare danni permanenti e irreversibili.

La Campagna prevede un’intensa attività di informazione sull’astensione dal bere alcol durante la gravidanza: dall’8 marzo e per tutto il mese verrà attivato un vero e proprio movimento d’opinione che cercherà di dialogare sulla rete, facendo cultura su questo delicato aspetto della vita delle mamme in attesa.

Per approfondire, potete consultare
il sito www.beviresponsabile.it
e il Comunicato Redazionale Alcol in Gravidanza.pdf

Il Blog di Maria Grazia Dosio appoggia la Campagna. Fatelo anche voi.

© Maria Grazia Dosio CC BY-NC-ND 3.0 IT

Se aspetti un bambino l’alcol può attendereultima modifica: 2012-03-09T08:25:00+01:00da mgdosio

Commenti

Se aspetti un bambino l’alcol può attendere — 2 commenti

  1. Fate bene a dare spazio a questo messaggio, non si può sottovalutare nulla, infatti ho letto in quel sito una cosa importante: Non è possibile fissare una dose minima di alcol da considerare pericolosa in gravidanza in quanto esistono forti variabili individuali. È quindi preferibile astenersi completamente dal bere durante questo delicato periodo della vita.
    valentina

    • E’ proprio così, Valentina. Bere in maniera consapevole e moderata può essere un piacere, compatibilmente con uno stile di vita sano, ma l’uso scorretto delle bevande alcoliche può costituire un pericolo per se stessi e per gli altri. Pertanto in caso di rischio, come durante la gravidanza, è meglio astenersi (non lo dico solo io, lo dicono gli esperti!).
      -mgrazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.